pulire i tappeti con l’ammoniaca

5 Consigli per Pulire I Tappeti con l ’Ammoniaca

L’ammoniaca è un prodotto molto conosciuto per quanto riguarda la pulizia della casa, ma sapevi che l’ammoniaca si può utilizzare anche in ambiti che non ti aspetti? Per esempio, sapevi che puoi pulire i tappeti con l’ammoniaca?

La pulizia dei tappeti è una delle più complicate da effettuare in casa, perchè i tappeti sono fatti di tessuti e fibre che assorbono lo sporco – che poi risulta facile da rimuovere – e assorbono anche i prodotti di pulizia, che possono provocare danni.

L’ammoniaca è, in genere, l’ultimo prodotto al quale pensiamo quando si tratta di pulire i tappeti a causa del suo odore. L’odore di ammoniaca non è affatto piacevole; sappiamo, poi, che l’ammoniaca è tossica, e nessuno vuole stendere in salotto o in camera da letto un tappeto impregnato di una sostanza tossica.

Ma la verità è che, se la sai usare, puoi pulire i tappeti con l’ammoniaca. Anzi, l’ammoniaca risulta molto più efficace di altri prodotti nel rimuovere macchie, muffe, e anche cattivi odori. In questo articolo, ti forniamo 5 consigli per pulire i tappeti con l’ammoniaca per ottenere i migliori risultati ed evitare i danni.

1, Precauzioni

Il primo consiglio che dobbiamo fornirti riguarda le precauzioni e accortezze alle quali prestare attenzione non solo quando usi l’ammoniaca per lavare i tappeti, ma quando usi l’ammoniaca in generale.

L’ammoniaca è infatti una sostanza tossica: può provocare fastidi e – in caso di esposizione prolungata a grandi quantità di prodotto – anche danni alle vie respiratorie, alla pelle, e alle mucose degli occhi. Quando la utilizziamo in casa, quindi, è  bene utilizzare alcune semplici precauzioni per tenere l’ammoniaca lontana da pelle, occhi, e vie respiratorie.

Le precauzioni sono molto semplici e sono le seguenti:

  • Per prima cosa fai in modo che la stanza dove adoperi l’ammoniaca sia ben areata. Apri tutte le finestre e lasciale aperte. Nel caso della pulizia del tappeto con l’ammoniaca, potresti – se ne hai la possibilità – portare fuori il tappeto, in terrazza o in giardino, ed effettuare l’intero processo di pulizia all’aperto. Lo stesso consiglio vale per tutti gli oggetti che possono essere portati fuori.
  • Sempre per tenere l’ammoniaca e i suoi vapori lontano dalle vie aeree, potresti usare anche altre accortezza: tieni il flacone, quando aperto, lontano dal viso, e – per stare ancora più tranquillo o tranquilla – utilizza una mascherina. Visto che ormai abbiamo tutti familiarità con le mascherine, potresti usare una mascherina chirurgica, ma una FP2 sarebbe ancora meglio.
  • Per tenere l’ammoniaca lontana dalle mucose degli occhi, basterà tenere il flacone lontano dal visto e prestare la massima attenzione. Se non ti senti sicuro, o sicura, puoi sempre usare un qualsiasi tipo di occhiale che farà da barriera fisica nel caso di schizzi accidentali.
pulizia del tappeto con l’ammoniaca
  •  Non preoccuparti, se qualche goccia di ammoniaca dovesse finire sulle tue lenti, non danneggerà il vetro. L’ammoniaca si utilizza infatti anche per pulire i vetri, anzi! E’ uno dei prodotti più efficaci anche per la pulizia di questo materiale.
  • Infine, per evitare che l’ammoniaca entri in contatto con la tua pelle, provocando rossori e/o bruciori, indossa semplicemente dei guanti. I più indicati sono quelli di gomma che arrivano fino al polso (quelli che usi per lavare i piatti, per intenderci!).

2, Test del prodotto

L’ammoniaca è un prodotto piuttosto aggressivo ed è proprio per questo che si utilizza sempre diluita in molta acqua. In particolare, per pulire i tappeti con l’ammoniaca, la diluizione consigliata è una parte di ammoniaca su 3 di acqua. 

Su qualsiasi tessuto, e in particolare sui tappeti, è sempre consigliato testare il prodotto su una piccola parte, poco visibile.

Prima di procedere alla pulizia dell’intero tappeto, quindi, effettua il procedimento che ti stiamo per illustrare su un piccolo angolo. Quando sarai sicuro che la pulizia riesce alla perfezione e soprattutto che non danneggia le fibre, allora potrai passare a pulire il tappeto con l’ammoniaca per interno.

Ovviamente, questo è un passaggio che occorre effettuare solo la prima volta che pulisci il tappeto con l’ammoniaca. Dopo il primo test, potrai utilizzare questo metodo tutte le volte che vuoi, anche se non è consigliato lavare i tappeti troppo spesso!

3, Usa l’aspirapolvere

Perchè la pulizia del tappeto con l’ammoniaca risulti efficace, il tappeto dovrebbe già essere privo di polvere. Se procedessimo alla pulizia con acqua e ammoniaca su un tappeto impolverato, non solo la pulizia risulterebbe inefficace, ma finiremo solo per peggiorare lo stato del tappeto.

Il procedimento più efficace prevede quindi di passare un aspirapolvere potente sul tappeto prima di procedere con la pulizia. Se si tratta di un vecchio tappeto, che non viene pulito da molto e che magari è stato riposto per anni in un luogo polveroso, sarà di sicuro necessario passare l’aspirapolvere più volte. 

Una volta che, passando l’aspirapolvere sul tappeto, il filtro rimane pulito, è il momento di passare alla pulizia vera e propria (sempre dopo aver fatto il test che ti abbiamo consigliato al punto 2).

come pulire tappeto con bicarbonato

4, Ammoniaca per togliere le macchie

Abbiamo parlato di rimuovere la polvere prima di procedere a pulire il tappeto con l’ammoniaca. E per quanto riguarda le macchie?

Per le macchie l’ammoniaca è molto efficace, e non è quindi necessario rimuoverle prima con un altro tipo di prodotto. Al contrario, puoi pulire il tappeto con l’ammoniaca anche quando si sporca con liquidi o sporco di altra origine.

Il procedimento per rimuovere le macchie dal tappeto con l’ammoniaca non è diverso da quello che si usa per la pulizia dell’intero tappeto: invece che trattare tutta la superficie, tratterai solo la parte macchiata e con maggiore attenzione.

5, Bicarbonato per rimuovere l’odore

C’è un aspetto di cui finora non abbiamo parlato e che è forse l’unico svantaggio dell’utilizzare l’ammoniaca per pulire i tappeti. Si tratta dell’odore dell’ammoniaca.

L’ammoniaca ha un odore molto pungente che, nella maggior parte dei casi, risulta sgradevole. Come tutte le fibre tessili, un tappeto che si impregna di un prodotto si impregna anche del suo odore. E mentre il prodotto può essere sciacquato con abbondante acqua, l’odore può rimanere.

A questo problema c’è però un rimedio molto semplice, naturale, e soprattutto molto economico: utilizzare il bicarbonato. Il bicarbonato è il prodotto più semplice e più efficace per rimuovere tutti i tipi di odori.

Usarlo su un tappeto è semplicissimo: devi semplicissime cospargere il tappeto della polvere di bicarbonato e lasciarlo lì, ad agire da solo senza fare niente.

L’unica pazienza che devi avere è aspettare, molte ore, anche tutta la notte, meglio se per due notti! Trascorso il tempo necessario, spazza via il bicarbonato e poi passa l’aspirapolvere.

Anche in questo caso, usa un aspirapolvere potente e passa più volte su tutto il tappeto, finché il filtro non rimane pulito. Il bicarbonato porterà l’odore dell’ammoniaca via con sé.

Per saperne di più

Quando non Usare il Bicarbonato? 15 Situazioni in Cui Andrebbe Evitato

20 Modi Incredibili di Utilizzare dell’Ammoniaca per Pulire Casa

Procedimento per pulire il tappeto con l’ammoniaca

Dopo averti fornito tutti i consigli di cui hai bisogno per procedere alla pulizia del tappeto con l’ammoniaca in modo efficace e sicuro, passiamo a riassumere i passaggi che occorrono. In questo modo ti sarà più facile organizzare tutto l’occorrente, la logistica e i tempi che ti occorrono.

Pulire il tappeto con l’ammoniaca: cosa ti occorre

Per procedere alla pulizia del tappeto con l’ammoniaca prepara:

  • un aspirapolvere
  • acqua e ammoniaca diluita in rapporto 3:1
  • acqua per il risciacquo
  • un panno o uno spazzolone per strofinare
  • bicarbonato

Pulire il tappeto con l’ammoniaca passo-passo

E’ il momento di procedere con la pulizia del tappeto con l’ammoniaca.

  1. Per prima cosa, porta il tappeto fuori, in terrazza o in giardino. Se non ne hai la possibilità, apri tutte le finestre.
  1. Passa l’aspirapolvere sul tappeto più e più volte, finché il filtro non resta pulito.
  1. Effettua il test di cui abbiamo parlato al punto due. Versa un po’ di liquido in un angolo, strofina e lascia asciugare: se le fibre non risultano rovinate, puoi passare alla vera e propria pulizia del tappeto con l’ammoniaca.
  1. Ora puoi utilizzare acqua e ammoniaca sul tappeto. Versa la tua formula di acqua+ammoniaca sul tappeto. Se devi solo rimuovere alcune macchie, puoi strofinare con un panno pulito; ma se devi procedere alla pulizia di tutto il tappeto, allora ti sarà sicuramente più utile usare uno spazzolone per distribuire tutto il liquido su tutto il tappeto e poi passare a strofinare energicamente.
  1. Dopo aver trattato in questo modo il tappeto, dovrai passare alla fase di risciacquo. Se ti trovi all’aperto, ti sarà tutto più facile. Posiziona il tappeto su una superficie leggermente inclinata, oppure appendilo, e versa acqua pulita. 

Se ti trovi all’interno questa operazione diventa complicata: dovrai continuamente versare acqua e raccoglierla per evitare di allagare la stanza! E’ però importante che, dopo aver pulito il tappeto con l’ammoniaca, passi poi a rimuoverla, altrimenti le fibre ne rimarrebbero troppo impregnanti causando cattivo odore.

  1. Lascia asciugare il tappeto. Potrebbe volerci tutta la giornata e anche di più. E se sei al chiuso potrebbe volerci ancora più tempo.

Una volta che il tappeto è asciutto, puoi valutare se ci sia il bisogno di utilizzare anche il bicarbonato come ti abbiamo illustrato al punto 5.

Conclusione

Ecco illustrato come pulire il tappeto con l’ammoniaca. Anche se richiede pazienza e qualche precauzione, è di sicuro il metodo per ottenere la pulizia più completa ed efficace!

Similar Posts